La nostra intervista fatta a Akirem

  • Qual’è il rapper a cui ti ispiri da sempre? 

Ho sempre provato una certa stima verso Nayt, ormai artista affermato da un anno ma che seguo, ascolto e in cui mi ci rivedo dal 2015.

  • Al giorno di oggi è difficile emergere? 

Bisogna crederci. È una cosa che si sente dentro. Ma bisogna anche fare le mosse giuste.

  • Ti trovi a tuo agio nella musica attuale fatta di talent e artisti nati su youtube? 

Molti artisti mi sorprendono molto, altri mi deludono parecchio.

Ad
  • Raccontaci uno dei ricordi più belli che hai fra quelli legati alla tua carriera. 

L’inizio.

  • Perchè il nome Akirem? 

È un anagramma della parola greca “Meraki”, la quale contiene il significato del mettere tutto sé stesso in qualcosa, nel mio caso la mia roba è questa. Mi piaceva anche come suonava.

  • Da quanto tempo scrivi? 

Ho sempre scritto qualcosa, ma i primi testi veri e propri ho cominciato a scriverli circa un anno e mezzo fa.

Ad
  • Che tipo di difficoltà hai incontrato fino ad ora? 

La difficoltà è nel farmi conoscere, arrivare a più persone possibili con ciò che ho da dire.

  • Oltre alla musica hai altre passioni? Se si, quali? 

Mi è sempre piaciuto studiare le persone. La psicologia è di mio interesse!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.